Cosa mi (e vi) auguro per il nuovo anno

Mi auguro che in questo nuovo anno, commettiate errori.
Perché se state facendo errori, allora state facendo cose nuove,
provando cose nuove, imparando, vivendo, spingendo voi stessi,
cambiando voi stessi, cambiando il vostro mondo.

State facendo cose che non avete mai fatto prima, e più importante, state facendo qualcosa.
Ecco, questo è il mio augurio per voi, e tutti noi, e quello che desidero per me stesso.
Fate nuovi errori. Fate gloriosi, incredibili errori. Fate errori nessuno ha mai fatto prima.
Non rimanete congelati, non fermatevi, non preoccupatevi che non sia abbastanza buono,
o non sia perfetto, qualunque cosa sia: arte, amore, lavoro, famiglia, o la vita.
Qualunque cosa sia che avete paura di fare, fatelo.
Commettete i vostri errori, il prossimo anno e per sempre.
~ Neil Gaiman

Neil scriveva questo augurio per il nuovo anno nel 2014, l’ho scovato per caso online e l’ho sentito cosí profondamente in risonanza con tutto quello che mi ispira da quando vivo in Canada, che non potevo non condividerlo qui, per donarlo a me e voi, come augurio per il 2016, e per gli anni seguenti.

Queste foto sono della tarda mattinata del 31 dicembre 2015, l’ultima dell’anno, da una Vancouver ghiacciata ma brillante, con un cielo blu che si confonde con l’acqua.
Passeggiamo per ore, io, lui e Peter, da Mount Pleasant a Kitsilano.
Camminiamo lungo l’acqua, guardandone i riflessi, mentre il ghiaccio si scioglie sotto un sole infinito, e macchie bianche resistono dove l’ombra mantiene la presa, erba scricchiolante sotto i piedi.
Festeggiamo la vigilia del nuovo anno assaporando quello che Vancouver offre senza sforzo, in una giornata perfetta di sole come questa: l’acqua che si increspa contro le barche, il rumore cadenzato delle onde su una spiaggetta deserta, le montagne bianche di neve. Azzurro, verde, bianco. I colori che rassicurano, quello che per me rende Vancouver un posto speciale.

Pensando all’anno passato e a quello che inizia, vi mando questo augurio, di fare, sbagliare, provare ancora.
Che poi è forse la lezione più grande che ho imparato vivendo qui, dove sono ora. Anche se a volte fa male, anche se ci si scoraggia, qualcosa accade se si continua a fare.

Che il nuovo anno sia il momento in cui prenderete decisioni invece di restare col passo sospeso, che sia il momento in cui prenderete una nuova strada lì dove quella vecchia era diventata impossibile da percorrere, che sia il momento in cui rischierete qualcosa per ottenere quello che volete realizzare, che sia il momento in cui imparerete qualcosa di nuovo, in cui troverete una nuova ispirazione, in cui inizierete un nuovo progetto, in cui sbaglierete ma proverete ancora.

Salutando il 2015 e aspettando il 2016!
Curiosa di vedere cosa succederà, già spuntando la mia goals list dell’anno,
tra propositi personali e professionali, progetti creativi (incluso il blog!), viaggi,
e voglia di imparare, vedere, andare, e scoprire.

5 Comments
  • Pingback: [Miso Vlog] Andiamo a Queen Elizabeth Park! - Miso Journal()

  • Marina Testi

    Grazie Sabrina per questo augurio. Ti seguo, ti leggo ( e ho ascoltato qualche tua intervista).
    Sí, sono mamma e devo ricordarmelo spesso di lasciar sbagliare i miei cuccioli, di non anticiparli (me lo ha ribadito la mia grande maestra in pedagogia Maria Montessori!!). Ma devo ricordarlo anche a me stessa. Questo 2016 sará pieno di cambiamenti ( entro l’anno contiamo come family di trasferirci in Canada), saranno tantissime le cose da imparare e saranno tantissimi gli errori. Voglio permettermelo!! Ricambio lo stesso augurio a te.

    • Grazie mille per il commento, Marina (e grazie per il supporto!). ˆ–ˆ

      Sbagliare fa paura, ma credimi è molto più spaventoso rimanere fermi, bloccati, senza possibilità di crescita. Trasferirsi all’estero, cosí lontano, è davvero un’avventura! I bambini si troveranno benissimo, soprattutto potendo andare a scuola impareranno subito la lingua. Preparati per tante cose da fare, e tanti sbagli, ma alla fine vedrai i risultati!

  • Come sempre bellissime foto… anche qui sulla costa c’è un bel sole in questi giorni ma freddisssssimo! 😀
    Tanti cari auguri di buon anno! Speriamo che tra un errore e l’altro si riesca a combinare anche qualcosa di buono… ieri ho fatto il resoconto del 2015 e il risultato è positivo, anche se a dir la verità avrei potuto impegnarmi di più. 😛

    • Auguri, Lisa! Anche qui a Vancouver sole ma aria ghiacciata!