Il Fujisan, simbolo del Giappone

Il Fujisan (富士山) è il vulcano più bello del mondo, dall’aspetto inconfondibile: simbolo del Giappone (al nome Fuji viene sempre aggiunto l’appellativo onorifico san), è la più alta montagna del paese (3776 m).
L’ultima volta che la sua cima esplose fu nel 1707, la spettacolare eruzione durò 3 settimane e gettò nel panico i cittadini di Edo (antica Tōkyō) a 120 km di distanza, oscurando il cielo durante il giorno e coprendo la città di cenere; il vulcano ora è quiescente, ma non si può escludere un’altra eruzione.
Di tutte le montagne venerate dai culti shintō, il Fujisan è l’Onnipotente, riverito come sacro sin dai tempi della preistoria; la sua sacralità è ufficiale: nel 1962, dopo 5 anni di dibattiti tra il governo locale e il Santuario del Fuji su a chi appartenesse di diritto la vetta, fu emanata una sentenza che si esprimeva a favore del Santuario.
Lo scenario attorno è stupendo e, attraverso le pendici ricoperte di fitte foreste, offre poetici scorci del grande vulcano; anche la vicina area dei 5 Laghi del Fuji non passa inosservata.
600.000 anni fa ci fu la nascita di due vulcani il Komi-take e il Fuji, che 300.000 anni dopo furono inglobati nell’attuale Fujisan, a cui ripetute stratificazioni di lava fecero assumere il suo particolare aspetto; secondo la leggenda, invece, il monte Fuji nacque in una sola notte, ma si dice potrebbe scomparire altrettanto rapidamente, avvolto in una palla di fuoco.
Fu adorato dagli Ainu, i quali gli diedero il nome del Sacro fuoco domestico Fuchi e lo ritennero dimora degli Dei, simbolo del legame fra terra e cielo; secondo la religione shintō, gli innumerevoli Kami vivono, oltre che in un Mondo Celeste, anche nelle più belle opere della natura: le montagne sacre sono particolarmente gradite ai Kami ed è quindi necessario venerare e rispettare queste dimore, rendendo loro omaggio.
Per i buddisti, il sentiero sacro Ochudo-Meguri, che circonda il Fuji all’altezza di 2500 m, separa due mondi distinti, quello inferiore terreno e il superiore spirituale.

Molti giapponesi sono convinti che salire almeno una volta nella vita sulla cima della loro montagna sacra sia un dovere religioso da rispettare, ma un vecchio proverbio giapponese recita: “Tutti salgono il Fujisan almeno una volta, ma solo un pazzo ci tornerebbe”.
Tramite sei sentieri attrezzati, in sette ore di faticosa ascesa si può raggiungere la vetta; la stagione cerimoniale dura soltanto nei mesi di luglio e agosto, ma nella salita si passa da un clima di piena estate a temperature invernali; molti santuari shintō, i Sengen, dedicati allo spirito del monte, la dea Konohana, sono disseminati lungo i percorsi.
Nel maggiore dei Cinque Laghi, il Kawaguchi, vi è la pittoresca isola del Cormorano che ospita il santuario di Benten; poco sotto la vetta si trova, invece, un santuario vecchio di 2000 anni, fatto costruire dall’Imperatore dell’epoca nel tentativo di placare la divinità che manifestava la propria ira con ripetuti eruzioni e terremoti.
Per i pellegrini shintō, nelle loro tuniche bianche, scalare il monte di notte per assistere al levar del Sole è un rito che celebra la Dea del Sole Amaterasu Omikami, madre del Giappone.
Oggi i pellegrini sono 400.000 all’anno, con punte di 20.000 al giorno e 1/3 degli scalatori proviene da altri Paesi, ma in precedenza il Fuji era interdetto alle persone, secondo il concetto che voleva inviolabili le montagne sacre: in seguito il divieto fu tolto, ma alle donne fu consentito di accedervi soltanto nel 1868, con la restaurazione Meiji.

10 Comments
  • Pingback: L’ultimo samurai | Miso Journal()

  • ciao luigi, grazie per il commento e per aver visitato il mio sito.
    hai proprio ragione, il monte fuji è assolutamente da vedere!

  • Luigi

    Ragazzi, stimolato dalla visita casuale di questo sito (e soprattutto dal personaggio che l’ha creato): http://www.montefuji.it, nel 2005 sono stato in cima al Monte Fuji.
    Credetemi se vi dico che è una cosa fantastica!
    Chi può si organizzi e vada in Giappone anche solo x vederlo da vicino.
    Ciao Luigi

  • ciao giogi.
    non capisco bene cosa intendi visto che questo è uno degli articoli più tecnici che puoi trovare sul sito.
    c’è davvero poco di “sensazione”, ho invece riportato tutti i dati storici e geografici riguardanti il monte fuji.
    p.s.: sarebbe utile usare un pò di punteggiatura ogni tanto

  • giogi

    a me nn piace molto qst articolo dice sl una sensazione di chi lo ha scritto mikan cmq ci sono gusti e gusti ciao

  • Richard-san

    Splendido… il Fuji è qualcosa di meraviglioso, devo assolutamente andarci!!! ^^
    Complimenti per l’articolo Mikan!! XD

  • grazie ragazzi^^
    il fujisan è uno dei luoghi che mi affascina maggiormente e, anche se sono deboluccia, almeno una volta voglio salire anche io fino in cima! ^__^
    come dice todomeda, anche la vista dalla tokyo tower non è da trascurare! *__*

  • Todomeda

    Mi ha fatto venire alla mente un bel ricordo questa recensione… a parte il fatto che se volete visitare il monte Fuji, da Tokyo o Yokohama, non e’ assolutamente difficile da organizzare (hanno dei servizi in pullman turistici molto efficienti), vi porta via un paio di giorni mi sa… se invece non avete tempo, dalla Tokyo Tower (ovviamente condizioni climatiche permettendo) si puo’ ammirare la montagna che svetta come sfondo, non sara’ lo stesso, ma ci si puo’ accontentare.
    Grazie Mikan per il ricordo!

  • Yara

    Fantastico, fantastico, fantastico e ancora fantastico!
    Penso che non ci siano parole per descrivere la bellezza del Fuji-san! *_*
    E’ uno dei luoghi del Giappone che voglio assolutamente visitare! Complimenti Micchan… veramente molto bello quest’articolo!!! ^^

  • Kinta

    Il monte Fuji per me è uno dei posti più affascinanti della terra, mi piacerebbe moltissimo salire fino alla cima e fare un bel servizio fotografico ^^

    Mikan complimenti hai fatto una bella presentazione del Fujisan